giovedì 9 agosto 2012

VIVISEZIONE E METODI SOSTITUTIVI




di Dr.Stefano Cagno - Dirigente Medico Ospedaliero Desio e Vimercate (MB) 

del: 22 giugno 2012


Molto spesso mi viene chiesto come posso sperimentare una nuova sostanza 

prima di somministrarla agli esseri umani, se non voglio ricorrere alla 

sperimentazione animale e quindi quali alternative esistono.Prima di parlare 

dei metodi sostitutivi/alternativi, bisognerebbe fare qualche premessa.È 

scientifico solo ciò che è dimostrato tale.Un metodo scientifico è tale se è 

riproducibile ossia se eseguito in qualsiasi luogo, in qualsiasi tempo e da 

qualsiasi sperimentatore, dà un risultato sempre identico.

Si chiede ai metodi sostitutivi la sperimentazione animale di essere validati, 

ossia di dimostrare che i risultati che si ottengono sono predittivi di quanto 

poi accadrà nella nostra specie. Peccato che nessun modello animale sia mai 

stato validato ed anzi, quasi sempre, i risultati ottenuti con i metodi sostitutivi 

vengono paragonati a quelli ottenuti con la sperimentazione animale. Si cerca 

quindi di validare alcuni metodi (sostitutivi) usando come paragone altri 

metodi mai validati (modelli animali).Alcuni ricercatori affermano che la storia 

ha validato i modelli animali: ma quale storia, quella del 2012 o dell’Ottocento? 

Prima di parlare di validazione dei metodi sostitutivi bisognerebbe validare i 

modelli animali, se ciò non è possibile significa che noi prendiamo in giro 

l’opinione pubblica convincendola, solo con le chiacchiere, che quanto facciamo 

prima di sperimentare sulla nostra specie è valido, ma in realtà le vere cavie 

diventano gli essere umani.

Inoltre è inutile criticare i metodi sostitutivi, se quasi la totalità 

dei finanziamenti finisce nella sperimentazione animale. Se poi facciamo il 

possibile per non applicare i metodi sostitutivi, nessun finanziatore privato 

investirà soldi in questo campo se saprà che poi non potrà brevettare e 

vendere il metodo.

Infine una osservazione. Se chi sperimenta sugli animali fosse sicuro dei 

propri metodi dovrebbe essere il primo a chiedere la validazione, perché, se ci 

riuscisse, metterebbe a tacere definitivamente gli antivivisezionisti scientifici.

Detto questo vediamo qualche dato sulla affidabilità e la sicurezza per la nostra 

specie che ci viene dalla sperimentazione animale.Il 92% delle sostanze che 

superano la sperimentazione sugli animali non superano la sperimentazione 

umana (fonte FDA, ossia l’organismo statunitense di controllo sulla 

commercializzazione dei farmaci - Lester Crawford, FDA Commissioner, in The 

Scientist 6.8.04 "More compounds failing Phase I" / US Food and Drug 

Administration (2004) Innovation or Stagnation, Challenge and Opportunity on 

the Critical Path to New Medical Products). 

Il 51% dei farmaci commercializzati negli USA presenta gravi reazioni avverse 

che non si erano verificate nei test sugli animali (fonte Associazione dei Medici 

Statunitensi - Moore T.J., Psaty BM. e Furberg CD. Time to act on drug safety. 

JAMA, 279: 1571-1573, 1998 ).

100.000 cittadini statunitensi muoiono ogni anno per avere assunto farmaci 

che si suppone fossero innocui negli animali (idem - Lazarou J, Pomeranz BH, 

Corey PN. Incidence of adverse drug reactions in hospidalized patients. A meta-

analysis of prospective studies. JAMA, 279: 1200-1205, 1998).

Quindi la sperimentazione animale fallisce nel 92% dei casi nel passaggio alla 

sperimentazione umane e nel 51% dell’8% rimanente dopo la 

commercializzazione, ossia su 100 sostanze sicure negli animali, 92 sono 

tossiche e/o inefficaci nella sperimentazione umane e altre 8 sono tossiche 

dopo la commercializzazione. Quindi su 100 sostanze sicure negli animali, 

almeno 96 si dimostrano tossiche e/o inefficaci nella nostra specie. Questi dati 

mi fanno affermare che la sperimentazione animale è una truffa perpetrata ai 

danni del consumatore.

Alla luce di questi dati abolirei la sperimentazione animale anche in mancanza 

di alternative.In realtà le alternative esistono. Quanti sperimentano sugli 

animali affermano che le colture cellulari non possono sostituire gli animali 

perché su di esse non si può studiare la metabolizzazione e l’eliminazione delle 

sostanze/farmaci. Tuttavia preferisco ottenere risultati parziali, ma 

affidabili, perché riferiti a quanto succede in un solo organo ma umano (es. 

cellule di epatociti umani), piuttosto che avere risultato complessivi ma 

inaffidabili perché riferiti ad altre specie che metabolizzano ed eliminano le 

sostanze in maniera differente rispetto alla nostra. Curioso poi constatare che 

secondo chi sperimenta sugli animali le colture cellulari umane non 

servirebbero, ma il 20% degli animali uccisi in Italia serve proprio per allestire 

colture cellulari che in questo caso uniscono il limite di fornire risultati parziali 

a quello che appartengono anche a specie differenti dalla nostra, ossia sono 

parziali ed anche inaffidabili.

Soprattutto però bisognerebbe sfruttare le nuove tecnologie come la 

farmacogenomica, la proteomica e i simulatori metabolici.

Esiste l’errata idea che un solo metodo alternativo debba sostituire un modello 

animale e su questo errato presupposto si basa tutta la propaganda di chi è 

favorevole ai test sugli animali. È infatti innegabile che l’unico modello che può 

sostituire un organismo nel suo complesso sembrerebbe essere un’altro 

organismo nel suo complesso. Ma se ci muoviamo su questa strada utilizzando 

gli animali, non usiamo un modello semplificato, ma uno complicato dal fatto 

che aggiungiamo centinaia e migliaia di variabili che differiscono da specie a 

specie. Con i roditori condividiamo il 95% del DNA, ma quel 5% di differenza 

significa almeno 1500 geni differenti che codificano per 1500 proteine 

differenti che saranno responsabili di 1500 caratteri fenotipici differenti. Un 

metodo di ricerca come quello del simulatore metabolico servirebbe, invece, ad 

unire risultati parziali ottenuti con materiale umano che non risentono delle 

influenze delle centinaia e migliaia di variabili presenti in tutte le altre specie. 

La somma dei risultati parziali, la loro analisi e la valutazione delle loro 

correlazioni possono fornire una previsione di gran lunga più affidabile dei 

modelli animali.È una questione di volontà, non di possibilità.

Dr. Stefano Cagno Dirigente Medico Ospedaliero Azienda Ospedaliera di Desio 

Vimercate (MB)

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.